sipronunciaaigor

Vita e pensieri di un (insolito) informatico

SIAE vs. trailer cinematografici online: due conti in tasca ad un ente in debito #nosiae #siae #trailer

with one comment

La SIAE (Società Italiana Altamente Estorsiva aka Società Inutile Anti-Editori) ad inizio anno era in debito di 800 milioni di € verso editori ed autori (ovvero verso coloro che dovrebbe tutelare).

Ricalcando un po’ le orme di Tom’s HW, facciamo due conti in tasca alla SIAE col metodo esatto della spannometria, applicando la teoria dell’occhio e croce e capiamo quanto questo ente è, de facto, inutile oltre che palesemente inefficiente e costoso.

Due conti in tasca alla SIAE

Parto da un articolo di Tom’s HW di inizio 2010 in cui si evidenzia, a seguito di un’inchiesta si Altroconsumo, come la SIAE sia in debito di 800 milioni verso editori ed autori che, giustamente inaspriti da siffatto ammanco (incazzati come bestie per i soldi non versati), hanno scritto al Corriere della Sera una letterina in cui lamentavano un po’ di insoddisfazione.

Seguendo poi i link qua e là, si scopre che per affiliarsi alla SIAE si pagava nel 2009 220 euro al primo anno e 91,50 euro i successivi.

Trovo su Rockol, inoltre, che il numero di iscritti alla SIAE nel 2005 (articolo di gennaio 2006 credo si riferisca a dati del 2005) era di 80000 (ottantamila) unità, di cui 70000 circa nella musica. Questi 80000 sono l’11,5% in più rispetto al 2004, quindi nel 2004 saranno stati circa 72000.

Facendo i conti della serva, approssimativisimi, possiamo dire che, se fossero rimaste costanti le cifre, nel 2009 la SIAE avrebbe incamerato (72000 * 91,50) + (8000 * 220) = 6588000 + 1760000 = 8,343 milioni di euro dalle sole iscrizioni. Dall’articolo in pdf di Altroconsumo, in cui si accenna al fatto che più di 44000 autori musicali sono circa il 60%, facendo di nuovo due conti si vede che le cifre non sono molto distanti.

In qualunque caso, 8 milioni circa derivano dall’iscrizione annuale.

Aggiungiamo i famosi bollini (quelli che l’Europa non ritiene molto legali, ma che sono stati fatti rientrare dal retro), che garantiscono un introito di circa 12 milioni di euro.

L’immancabile Wikipedia mi ha dato una mano sulle parti spinose tipo contenziosi con l’Europa e simili, pertanto una citazione a Wiki ci va.

Nota dolente per ogni homo sapiens sapiens transitato per l’Italia che abbia avuto la malsana idea di acquistare un qualunque oggetto elettronico: l’equo compenso. Una tassa iniqua (altro che equa… anche questa sotto la lente di ingrandimento dell’Europa che non l’apprezza particolarmente, anzi…) che tutti paghiamo ogni volta che si acquista, per esempio, una memoria esterna, un CD-ROM, un DVD masterizzabile ecc… in pratica è una tassa ad hoc per la SIAE perché POTENZIALMENTE tu puoi salvare sul dispositivo qualcosa di piratato. questo giochetto porta alla SIAE 300 milioni di euro l’anno (e loro dicono che non è così tanto equo, vogliono di più…). Per avere un’idea di cosa sia l’equo compenso: per una confezione di 25 CD vergini da 19,90€ la bellezza di 9,95€ vanno alla SIAE. Il 50%… sugli apparecchi elettronici, invece, l’incremento è un ipercettibile 3%, pertanto il tuo bel televisore al plasma a 1000€… beh, 30 li hai dati alla SIAE perché tu potresti usarlo per vedere film piratati.

Guardando nuovamente un po’ di conti del 2007 troviamo i dati più corposi degli introiti della SIAE.

Musica!

Finalmente parliamo del maggiore degli introiti per la SIAE: la musica. Da ogni CD SIAE si prende il 9% e da ogni musica in streaming o acquistati online il 12%. Guai a voi se osate ascoltare musica dal vivo o andare a ballare in discoteca: del prezzo che viene trattenuto per gli autori, il 40%va alla SIAE direttamente (senza passare dal via). Inoltre non sposatevi invitando tanta gente e non cantate né, soprattutto, ballate! Un matrimonio con 150 invitati a 75€ pro capite, frutta alla SIAE 294€ per la musica dal vivo e 477€ se osate ballare.

Ed ecco che scopriamo che circa 340 milioni arrivano dalla musica (supporti varii e concerti). Altri 118 da TV e radio (non ho trovato dati separati) e altri 100 circa da teatro, cinema e libri.

Totale

Nel 2007, in tutto, la SIAE ha incassato 743 milioni di euro e se ne è tenuti per sè 109 milioni, ma le spese totali ammontano a 193 milioni.

Mischiando un po’ di tutti questi dati (considerato che gli introiti sono andati crescendo, ma non ho trovato dati più recenti al momento), troviamo che l’equo compenso ha fruttato 270 milioni di euro in più, circa , rispetto al passato.

In tutti questi numeri, inoltre, consideriamo che la SIAE spende il 76% (dei 193 milioni) in spese di personale, mica di tutela, cosa vi credevate :D?

Conclusioni

Ora, dopo questo balletto di cifre, più o meno interessanti, questi signori (la SIAE) riescono ad essere in rosso di 800 milioni verso coloro che devono essere tutelati (ovvero editori ed autori). A parte lo sconcerto e l’assurdità della questione: non vi sono bastati 270 milioni all’anno in più dall’equo compenso? Volete anche 1800€ all’anno da siti amatoriali o poco più che limitati a 30 trailer al mese fanno un po’ più di pubblicità ad un film (più biglietti staccati nei cinema) e di certo non campano per l’incremento del numero di visite sul proprio sito (ammesso che contenga pubblicità paganti…)? Come minimo dovrebbero essere pagati poiché fanno pubblicità…

Mi sembrate sempre più inutili e macchinosi, quindi: uno dei tanti enti inutili da abolire.

Se questo è il concetto di copyright e protezione del copyright da parte della SIAE, Creative Commons tutta la vita…

E in tutto ciò ricordo che Lega Nerd ha tolto tutti i propri video.

p.s.: Ricordate che l’hashtag è #nosiae e la pagina su facebook è Aboliamo la S.I.A.E.

About these ads

Written by sipronunciaaigor

29/10/2011 at 07:30

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. [...] SIAE vs. trailer cinematografici online: due conti in tasca ad un ente … Ricalcando un po' le orme di Tom's HW, facciamo due conti in tasca alla SIAE col metodo esatto della spannometria, applicando la teoria dell'occhio e croce e capiamo quanto questo ente è, de facto, inutile oltre che … Source: sipronunciaaigor.wordpress.com [...]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 482 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: